Gli dei dell’olimpo

La mitologia greca, ha un non so che di affascinante. Storie che si tramandano sui libri da centinaia di anni, in grado di catturare le menti di chiunque.

Adorati e venerati da antiche culture

AfroditeDea dell’amore, del romanticismo e della bellezza. Suo figlio era Eros – il Dio dell’amore (anche se non fa parte dell’olimpo).
Apollo Dio del sole, della luce, della musica e della medicina.
AresDio oscuro della guerra che ama Afrodite, Dea dell’amore e della bellezza.
Artemisindipendente dea della caccia, della foresta, degli animali selvatici, del parto e della luna. Sorella di Apollo.
Athenafiglia di Zeus e Dea della saggezza, della guerra e dei mestieri.

DemetraDea dell’agricoltura e madre di Persefone.
Efesto – zoppo, Dio del fuoco e della fucina. A volte scritto Hephaistos. L’Efestione vicino l’Acropoli è il Tempio meglio conservato in Grecia.
Hera – moglie di Zeus, protettrice del matrimonio, e del parto.
Hermes – il veloce Messaggero degli dèi, Dio del commercio e della saggezza. I Romani lo chiamavano Mercurio.
Hestia – Dea della casa, simboleggiata dal focolare che detiene la fiamma continuamente accesa.
Poseidone – Dio del mare, dei cavalli e dei terremoti.
Zeus – supremo signore degli dèi, Dio del cielo, simboleggiato da un fulmine.

Zeus

Cominció con il costruire la dimora degli dei. Scelse di collocarla su una montagnia della Grecia, a quei tempi considerata la piú alta del mondo: l’ Olimpo.

Efesto

Era il nome greco del dio del fuoco e Vulcano era il nome che i Romani gli attribuivano. Ecco spiegato perché la montagna col fuoco veniva chiamata “vulcano”, perché sede delle fucine di Efesto o Vulcano. Efesto era il fabbro per antonomasia. Nelle sue fucine fabbricava armi invincibili per gli “dei” e per gli “eroi”. Per sé creava oggetti straordinari, poltrone bellissime in oro tempestate di pietre preziose colorate, ancelle – robot che si muovevano proprio come se fossero di carne ed ossa, tavolini con tre gambe che, a seconda del comando, si spostavano velocemente, piani di appoggio molto funzionali dal momento che doveva appoggiarsi spesso.

Era

Regina degli dei, protettrice del matrimonio, sposa di Zeus, dea bellissima. Ebbe tre figli: Ares, Efesto, Ebe. Alcuni dicono che era invidiosa della dea Afrodite perché era la piú bella tra le dee. Era anche molto gelosa … ma a ragione, perché il marito la tradiva spesso.

Afrodite

Il suo nome deriva da afros che vuol dire schiuma; perciò si ritiene che sia nata dall’onda del mare. Viene rappresentata con il corpo adorno di rose e mirtilli, con solo un velo addosso; e trainata da un carro tirato da passeri, colombe e cigni ed è accompagnata da ninfe e da amorini festanti e gioiosi. Tutte le dee erano gelose della sua bellezza, infatti era la piú bella tra le dee, piú bella anche della stessa Era. Il suo corrispondente nome romano è “Venere

Ares


Era il dio della guerra, sanguinario e brutale, era antipatico a tutti gli dei, compreso suo padre Zeus; si invaghì di Afrodite ed ebbe da lei Eros.

Poseidone

Fratello di Zeus e di Ade, era il dio del mare. Viveva negli oceani, tra Nereidi e Tritoni, e ne usciva guidando un carro trainato da cavalli alati. La sua sposa era Anfitrite, ma ebbe altri amori, tra cui Demetra e Medusa. Il suo scettro reale era il tridente.

Apollo

Dio della musica e della divinazione, nacque da Zeus e Latona. Era il fratello gemello di Artemide, dea della luna e della caccia. Famoso il suo oracolo a Delfi, nel quale le profezie avvenivano per mezzo della sacerdotessa Pizia.

Estia

figlia di Cono e di Rea, sorella di Zeus, era la dea del focolare e del matrimonio.

Demetra

Sorella di Zeus e dea della terra coltivata, in modo particolare del grano. Ade, re degli inferi, le rapì la figlia Persefone. Non potendo riaverla, Demetra ottenne da Zeus che Persefone trascorresse sulla terra una parte dell’anno: la primavera e l’estate.

Artemide

Dea della caccia e sorella di Apollo, rappresentava la luna, mentre Apollo era il Sole. Il suo tempio piú famoso è nella città di Efesto.

Atena

Figlia di Zeus e di Meti, era la dea della religione. Durante la guerra di Troia protesse Achille e Odisseo, che poi poté contare sull’aiuto per il ritorno ad Itaca.

Ade

Divenne signore del mondo sotterraneo dopo aver sconfitto il padre Crono, insieme ai fratelli Zeus e Poseidone. Rapì e sposò Persefone. Si chiama Ade anche il mondo dei morti.